La strada, a denim story @Alta Roma

Nel percorso accademico, il momento più importante è il final work. Dopo tre anni di carriera accademica la sfilata di AltaRoma è il trampolino di lancio.

Il 09-07-2017 l’Accademia Koefia ha presentato una tematica insolita per l’haute-couture: il Denim. Attraverso la collaborazione dell’Imatex, azienda di eccellenza del denim italiano, ho avuto una grandissima oppurtunità di esprimere me stesso.

Ho disegnato e realizzato dunque questo outfit, composto da un abito in seta grezza indiana e un capospalla, l’emblema della mia massima fonte di ispirazione, ossia il Kintsugi, un’arte giapponese che recupera vasi di porcellana rotti e li trasforma in opere d’arte poiché enfatizza le crepe con l’oro.

Cosi, inspirandomi alla filosofia del Kintsugi, ho sviluppato il mio personale manifesto sull’ecosostenibilità ambientale nell’ambito della moda.

Ho scelto di realizzare la base del mio cappotto in un denim grezzo, successivamente ho recuperato gli scarti di denim dei miei compagni, e riciclandoli li ho disposti sulla base fissandoli con un’impuntura oro.

Per interpretare le crepe dell’arte giapponese ho creato un disegno unico che ho arricchito con il ricamo.

L’oro, utilizzato dai mastri giapponesi nell’arte del Kintsugi, è stato sostituito, nel mio progetto, da un materiale eco-sostenibile ossia il Capim Dourado.

Il Capim è una fibra erbacea che nasce spontaneamente in una piccola regione del Brasile, nel Jalapao, impiega un anno per essiccarsi e assumere il colore dell’oro. La popolazione autoctona sa trattare e rispettare questa pianta ed ha creato un commercio equo-solidale. Questa pianta è divenuta la primaria fonte economica di questa regione e sono nate dell’agenzie di tutela di questa pianta che controllano che questa pianta sia lavorata solo nel Jalapao.

Entusiasta e innamorato di tutto quello che circonda il Capim Dourado, ho valorizzato questo materiale utilizzandolo nel ricamo.

Sono fiero del lavoro svolto perché nonostante le difficoltà sono riuscito a portare avanti l’idea che bello è lusso possano coesistere anche nel rispetto della vita e delle sue imperfezioni.